IL MAESTRO D’INCISA
Fortunato Amodei
Biografia e memorie
ISBN 979-12-81021-00-6
Esaurito

IL MAESTRO D’INCISAFortunato AmodeiBiografia e memorieISBN 979-12-81021-00-6Esaurito

ISBN 979-12-81021-00-6,
90 pp, 18 foto b/n – In copertina: foto Studio Aulo – Esaurito

Stampa digitale – Brossura fresata – Formato cm 14×21 – Interno su carta Usomano Bianca FSC da gr 120 – Copertina 4 colori senza alette, carta Usomano Bianca FSC da gr 300, patinata e plastificata opaca.

Il libro è la biografia intima di un maestro elementare, tra Calabria e Toscana dal 1915 al 1976, arricchita dalle testimonianze dei suoi familiari più prossimi. 

Dall’Introduzione di Giuseppina Amodei

Esistono personaggi che vengono consegnati alla Storia con tutta la loro personalità, le loro azioni, i loro difetti e virtù. Personaggi che hanno attraversato e attraversano ancora la vita degli studenti di ogni ordine e grado: ripetuti e riesumati, presi a modello positivo o rifiutati come modelli negativi, esaltati o umiliati, spesso a seconda delle ideologie politiche e degli “umori” di chi li ha criticamente interpretati. Ma esistono anche personaggi che nessuno darà in consegna a quella Storia con la esse maiuscola in quanto le loro azioni non sono – o non sembrano essere – interessanti per il cosiddetto “mondo della evoluzione codificata dell’uomo”. Semplici, “piccoli”, spesso umili, tali personaggi, quando non vengono rapidamente dimenticati, appartengono a quel particolare settore che possiamo definire “memoria collettiva”, quell’insieme cioè dei ricordi di un’esperienza vissuta o mitizzata da quella collettività della cui identità fa parte integrante il sentimento del passato. Il fatto che in un paese come Incisa Valdarno – ma chissà in quanti altri luoghi del mondo – la gente  continui a ricordare determinate persone, a portare sulle loro tombe fiori e lumicini da oltre trent’anni, non può che farci riflettere: la memoria collettiva non interessa e non investe solo i grandi avvenimenti, gli olocausti più o meno intensamente vissuti o ricordati, presenti in ogni era della nostra storia, ma anche i cosiddetti “semplici uomini” che in un determinato luogo hanno lasciato delle impronte così forti da far sì che il nome venga non solo ricordato da quelli che sono entrati in contatto con loro, ma addirittura tramandato da padre in figlio. Ed ecco che a fianco dei Pestalozzi, dei Froebel, dei…. – ancor più che dei Napoleoni e dei Mussolini, trattandosi di campo educativo – l’azione pedagogica è stata spesso svolta dai cosiddetti “pionieri” della scuola, qualcuno li ha addirittura definiti gli “operai della scuola”. È ciò che è accaduto per il Maestro Fortunato Amodei a Incisa Valdarno: Maestro con la emme maiuscola, che ha operato come educatore in una fascia di tempo che si estende dal dopoguerra fino al 1976, anno della sua prematura scomparsa.

MODULO DI PRENOTAZIONE DEI NOSTRI PRIMI 10 LIBRI

Il pagamento sarà effettuato esclusivamente con bonifico bancario anticipato dopo l'accettazione dell'ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Network Integration by Acurax Social Media Branding Company
Visit Us On Facebook